Qual è il gioco di Renzi?

Matteo Renzi è arrivato sulle scene italiane come l’ennesimo fenomeno, un altro “salvatore della Patria” con una ascesa rapida che ricorda quella di altri personaggi della storia d’ Italia, da Mussonoli e Berlusconi.  Renzi è stato salutato da più parti politiche e culturali del Paese (e anche Europee e Statunitensi) come l’uomo giusto per l’Italia, accettato quasi acriticamente dopo una serie di successi politici legati più alla sua immagine che a reali successi in campi amministrativi che abbiano portato grossi benefici a lungo termine.

Matteo Renzi, più di Berlusconi, riesce a dire le cose giuste al momento giusto, tocca tutti i punti dolenti del Paese e fa promesse belissime evitando cadute di tono, si presenta come giovane, moderno, sorridente, proiettato verso il futuro, capace di sfidare il monolitismo italiano ma poi…

Insomma i primi 90 giorni di Governo sono passati e gli effetti non si sono visti, è svanita l’euforia come gli effetti di una sbronza con la birra, le promesse ancora non sono state mantenute, l’Europa che pur ha salutato con felicità l’arrivo di Renzi non gli ha dato ascolto e la linea dell’austerity nei confronti dell’Italia continua insieme allo sguardo severo ed il tetto del deficit. Così come l’economia non ha la ripresa sperata e l’effeto dei famosi 80 euro, per chi li ha avuti, è stato impalbabile anche perché la tassazione rimane elevate e le imprese sono con l’acqua alla gola.

La domanda è quind: quale gioco sta facendo Renzi? Si tratta di un giovane volenteroso ma che si scontra con la dura realtà italiana che gli va contro? Non è colpa sua se le cose non vanno a buon fine? O forse è solo l’ennesimo lupo che si è mascherato per qualche momento da “pecora”? O sta operando dentro una strategia internazionale che deve ridefinire il ruolo dell’Italia nel mondo, rimpicciolendolo sempre di più, distruggendo la sua industria e la sua economia, e portando i cittadini ad accettare pesanti contrazioni di stipendi e stato sociale?

La configurazione della Unione Europea sembra andare in questa direzione: tecnocrati e burocrati alleati del potere finanziario che disegnano un mondo di pochi ricchi e molti quasi-poveri, un ceto medio traballante che non conoscerà più pace. E Renzi, arrivato al potere senza nessuna consultazione democratica che lo avesse portato in Parlamento, ricorda più un dittatore che dice “o si fa come dico io o tutti a casa” che uno statista lungimirante.