Economia e Politica: smettiamo di pensare al PIL

Siamo ormai abituati ad ascoltare ogni giorno dati sconcertanti sull’economia italiana, sconcertanti in negativo. Stiamo quasi iniziando a pensare che siamo un Paese di buzzurri inutili  destinati alla povertà ma invece in questa situazione definita crisi ci sono tantissimi paradossi.

Il primo paradosso è costituito dai dati positivi: il mondo ha fame di Made In Italy. Moda, enogastronomia, meccanica, lusso, design ogni hanno fanno volare il nostro export, eppure all’interno va tutto male. Come è possibile quindi che un piccolo ma variegato Paese che dopo la distruzione della Guerra Mondiale è riuscito in meno di due decenni a piazzarsi tra i primi 7 Paesi più industrializzati del mondo, ed il cui export è in crescita, con tante eccellenze e talenti unici sia in crisi da quasi 4 anni, ed in stagnazione da 20?

La risposta onnipresente è la politica: cattiva gestione radicata in tutti i campi, locale, nazionale ed europeo, pubblico e privato. Politici e dirigenti incompetenti in buona fede o corrotti in malafede, pronti a sacrificare gli interessi collettivi per qualche briciola in più di guadagno, o esaltati ideologi incapaci di agire e capaci solo di piegare la testa ai diktat esterni. Il risultato di tutto questo è evidente davanti ai nostri occhi: burocrazie assurde, leggi e regolamenti contraddittori, tasse elevate hanno l’effetto di scoraggiare l’investimento e l’impresa e ridurre i consumi, distruggendo il mercato interno. I politici lanciano slogan e proposte ogni giorno inseguendo miracolosi aumenti di PIL e riduzioni del debito pubblico senza mai centrare lontanamente le necessità del Paese e nemmeno gli obiettivi che si propongono. Quello che manca per “uscire dalla crisi” e riavere una economia che funzioni, aldilà di calcoli sul PIL e previsioni statistiche sono tante cose tra cui:

– Politiche attive a favore dell’economi sopratutto partendo da semplificazione della burocrazia e delle riduzione delle tasse. Eliminazione di imposte antiquate e controproducenti o di licenze troppo complesse (emblematici i casi in alcuni Comuni in cui il gestore di una pizzeria da asporto viene multato per aver portato al tavolo una pizza ad un amico prima della chiusura senza avere la licenza per il servizio ai tavoli).

– Sensibilizzazione di tutti i cittadini nel rifiuto di ogni forma di corruzione e nel sostegno all’Economia nazionale con l’acquisto di prodotti italiani. Migliorare il senso civico di ogni italiano, dal lavoratore allo studente fino al politico può essere fatto non solo tramite sanzioni pesanti per chi sbaglia ma anche accompagnando con incentivi chi è ligio al dovere (ad esempio sconti fiscali a chi paga sempre le tasse per decenni e non come accade al contrario grazie e sconti ai grandi evasori e mazzate al povero contribuente con un reddito medio che sbaglia il calcolo di pochi euro e si ritrova con migliaia di euro di multa)

Lotta ai privilegi di casta.

– Maggiore peso internazionale nel proporre politiche economiche condivise anziché subire diktat

Iniziare a camminare in queste direzioni servirà a dare una bella scossa al sistema riattivando l’economia del Paese e agevolando il suo funzionamento. Previsioni sul PIL, con tutto il rispetto non indicano una cosa: un Paese può avere un PIL in forte crescita ma allo stesso tempo avere metà della popolazione sul bordo della povertà come accade in tanti Paesi “in via di sviluppo”. Senza un sostegno diretto e coraggioso all’Economia Interna, un Paese può essere protagonista sulla carta della scena internazionale ma è funzionale solo a pochi gruppi di potere ed oligarchie economico-finanziarie. Molte delle Riforme proposte fino ad adesso sono incentrate più su quell’ottica, quella di fare bella figura nelle statistiche e negli indicatori, senza peraltro riuscirci, che per avere un effetto reale nella vita dei cittadini.

Le notizie sul PIL che cala o che cresce di 0,5% o poco più, diffuse con tanta importanza, dovrebbero essere secondarie a quelle del numero di famiglie che si impoveriscono e se è pur vero che più PIL significa più lavoro, questo non è sempre correlato a stipendi che permettano di affrontare il costo della vita e tasse eque che corrispondano a servizi degni di un Paese Europeo con una tassazione così elevata. Altrimenti sono solo parole.