Mercato immobiliare

Vanno giù le richieste mutui nel mercato immobiliare: crollo previsto?

Negli anni passati e nel collettivo di ogni italiano medio la casa ha sempre rappresentato un bene per eccellenza, una sorta di approdo sicuro al quale arrivare, anche un sogno che rappresenta il coronamento di un percorso di stabilizzazione.

Per fare tutto questo nel corso degli anni passati quando le incertezze sul settore della economia in generale erano minori, l’accesso al credito per le famiglie era più semplice, fornendo delle specifiche garanzie si poteva chiedere un mutuo.

Solitamente si parlava di soluzioni ventennali e in alcuni casi trentennali e alcune banche concedevano mutui che potevano coprire anche il novanta per cento di quello che era la cifra che veniva richiesta.

Nel frattempo il mercato è completamente mutato, le incertezze economiche si sono moltiplicate, in modo particolare il mercato del lavoro ha subito una decisa contrazione e questo ha creato delle difficoltà nel mercato delle case.

Le banche percependo le difficoltà delle famiglie italiane nel fornire garanzie solide per l’acquisto di una casa, hanno decisamente inasprito le condizioni di accesso al credito, ponendo nel tempo sempre maggiori paletti e maggiori garanzie richieste.

La famiglia media italiana si è trovata in difficoltà, infatti fornire garanzie nei riguardi delle banche italiane si è rivelata una impresa veramente molto complessa. Per questo motivo, la famiglia italiana ha optato per un compromesso, chiedere un mutuo per una cifra più contenuta.

Questo perché se la cifra è più contenuta, la banca sarà maggiormente elastica e potrà offrire delle garanzie in linea con la ricerca delle famiglie. Anche in questo caso, occorre sempre cercare la banca disponibile a erogare il credito richiesto.

Il mercato immobiliare nel terzo trimestre registra nuovamente un crollo, questo non è legato solo al fatto che la tassazione elevata e la difficoltà di accesso al credito spinge le famiglie e valutare meglio questa spesa, c’è un motivo più profondo.

In un panorama così incerto da un punto di vista economico, una grande cambiamento nella abitudini di acquisto delle famiglie italiane sta avvenendo, si tratta di un processo di valutazione del rischio nel tempo.

Infatti se l’economia non fornisce più garanzie di alcuna sorta, bisogna valutare con attenzione se è il caso di investire in un immobile i propri risparmi. Infatti questo pone una scadenza temporale prolungata nel tempo troppo lunga, quella del pagamento delle rate del mutuo stesso.

To Top