Casa

Cos’è l’Ispezione o Visura Ipotecaria

Quando si parla visura o ispezione ipotecaria si intende un documento che riporta i dati presenti nei registri immobiliari custoditi presso le Conservatorie, rilasciato dall’Agenzia del Territorio, da cui si evincono le proprietà immobiliari di un soggetto (persona fisica o giuridica) nonché le eventuali pendenze gravanti su ciascun immobile, ossia ipoteche derivanti da mutuo o da decreto ingiuntivo, pignoramenti, sequestri, donazioni, successioni, usufrutto, ecc..

Quando viene richiesta la visura? Solitamente la si effettua prima di acquistare o vendere un immobile o un terreno, per accertare la consistenza patrimoniale di un potenziale cliente e/o di un debitore insolvente, prima di trascrivere atti di natura pregiudizievole sul patrimonio immobiliare di un soggetto.

Nello specifico una visura ipotecaria elenca tutte le formalità relative ad un immobile o ad una persona fisica o giuridica, e quindi:

  • Trascrizioni: compravendite, successioni, donazioni, pignoramenti, sequestri.
  • Iscrizioni: ipoteche volontarie e giudiziali, altri gravami e vincoli.
  • Annotazioni: nota a cancellazione di ipoteche, etc.

Le informazioni reperibili si riferiscono ad un arco temporale chiamato “periodo informatizzato”, diverso per ogni ufficio. L’indicazione dell’arco temporale per le ricerche viene sempre specificato nell’esito della consultazione effettuata.

La ricerca può effettuarsi attraverso due modalità:

  • per soggetto, per immobile o incrociata soggetto/immobile, al fine di individuare ed eventualmente visionare le note di interesse;
  • per nota di cui l’utente conosce i dati identificativi.

E’ possibile effettuare la visura Ipotecaria anche su una persona fisica o su una società (persona giuridica) per sapere se il soggetto ha subito pignoramenti immobiliari, ipoteche giudiziali o volontarie, e per sapere quali beni immobili sono stati colpiti. Questo tipo di ricerca è anche utile anche per individuare se un soggetto debitore possiede beni che possono essere colpiti con azioni giudiziarie in seguito ad insolvenze.

Ogni visura riporta la data di “inizio meccanizzazione” dalla quale l’ufficio ha iniziato a memorizzare direttamente in formato elettronico le informazioni. Molte Conservatorie hanno comunque “recuperato” molti dati degli anni precedenti alla data di automazione, e anche questo viene riportato in visura alla voce “anni recuperati”. Ad esempio la Conservatoria di Milano1 ha iniziato l’automazione nel 1995 ma ha recuperato e validato gli anni dal 1973 al 1995.

To Top